LA GLUCOSAMINA INTEGRATORE EFFICACE?

Aggiornato il: lug 25



La glucosamina è una sostanza ampiamente utilizzata in ambito clinico e sportivo, la ragione principale del suo utilizzo è il trattamento o la prevenzione delle lesioni, varie ricerche supportano l'efficacia della glucosamina, in particolare per il trattamento dell'osteoartrosi. Molti degli integratori di glucosamina sono combinati con condroitina, tuttavia non ci sono prove scientifiche per giustificare questa combinazione.


In questo articolo analizzeremo gli effetti della glucosamina nella riabilitazione delle lesioni sportive. Prima di iniziare, ricorda che lo scopo di questo articolo è puramente informativo, prima di iniziare a prendere qualsiasi aiuto ergogenico è essenziale consultare i professionisti del settore in modo che la tua assunzione sia sana e sicura.


Che cos'è la glucosamina?

La glucosamina, la cui formulazione è C6H13NO5, è un aminoacido specializzato

nell'azione come precursore della glicosilazione di lipidi e proteine ​​(9). È composto da un principio attivo di origine biologica che si trova nell'organismo umano e che può essere sintetizzato dalla chitina estratta dai gusci dei crostacei (5).


Quali sono gli effetti sulla pratica sportiva?

La glucosamina è un elemento precursore dei glicosaminoglicani, che, insieme al collagene, sono i componenti principali del tessuto connettivo nei legamenti e tendini (4) . La sua funzione principale è il recupero del tessuto connettivo dopo una lesione (4,5), aumentando i livelli dei composti che lo formano fino al 17%, migliorando la guarigione delle lesioni , quindi si può dire che ha un effetto condroprotettivo (3,6) .

Sebbene altri studi dimostrino che, nei pazienti con condropatie, raggiunge un'efficacia di quasi l'80%, quando combinato con CS, quando il dolore è moderato-grave (7).

Per questo motivo, l'Australian Institute of Sport lo include nel gruppo di integratori con "prove limitate di effetti benefici" (8). Tuttavia, si sta studiando l'influenza della glucosamina sul decorso dell'osteoartrite, rallentando o ritardando la malattia (7). Per quanto riguarda il suo uso in persone sane, non ci sono prove che la glucosamina abbia effetti benefici su di loro.


Ha effetti collaterali?

Odriozola (4) scrive che, al momento, non sono noti effetti collaterali possibili di questa integrazione. Affermazione che concorda con lo studio condotto da Palacios (5) in cui garantiscono la sicurezza e le caratteristiche della glucosamina.


C'è una dose giornaliera raccomandata?

In generale, la dose giornaliera di glucosamina solfato varia a seconda della gravità della lesione da trattare, le quantità variano da 500 mg. fino a 6 gr. ogni giorno (4). Altri studi (5) raccomandano l'uso di una singola dose di 1,5 gr. ogni giorno per 3 mesi.


È una sostanza dopante?

No, ad oggi non è incluso nell'elenco delle sostanze e dei metodi vietati dell'Agenzia mondiale antidoping (1).


Glucosamina e il suo effetto sull'artrosi

L'osteoartrite è un problema di salute di prim'ordine a causa della sua prevalenza, del suo grande impatto sulla qualità della vita e degli elevati costi socio-sanitari. È la malattia reumatica più frequente nella popolazione generale e un motivo di consulto medico molto frequente (10).

L'osteoartrite è un'artropatia cronica, infiammatoria e degenerativa, si verifica quando le proprietà meccaniche della cartilagine e dell'osso subcondrale sono alterate, è considerata all'interno di un gruppo eterogeneo di patologie di etiologia multifattoriale, con manifestazioni biologiche, morfologiche e cliniche simili. Può interessare più di un'articolazione ed è fortemente correlato all'età (50 e 60 anni, picco massimo), con una predilezione per le ginocchia, alcune articolazioni delle mani, i fianchi e le piccole articolazioni della colonna vertebrale. Tuttavia, può verificarsi in qualsiasi articolazione e interessare una o più articolazioni (poliartrosi) (11).


Trattamento dell'osteoartrosi

Gli obiettivi principali nel trattamento dell'osteoartrosi comprendono il trattamento farmacologico e non farmacologico. Ci sono ancora controversie su quest'ultimo: in precedenza, il trattamento dell'osteoartrite si basava sulla somministrazione di analgesici e farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), che migliorano rapidamente i sintomi del dolore, ma non sono in grado di modificare l'evoluzione di la malattia, poiché i sintomi riappaiono quando si abbandona il trattamento (18). Questi farmaci possono anche avere altri effetti avversi come: gastrointestinale, cardiovascolare, epatico, renale e avere problemi di interazione con altri farmaci (19).

Attualmente ci sono sostanze che possono produrre effetti benefici sulla cartilagine articolare. Sono i farmaci a lenta azione asintomatica o SYSADOA (acronimo di English Symptomatic Slow Acting Drugs for Osteoarthritis), che hanno un'efficacia simile ai FANS, ma l'effetto impiega più tempo a raggiungere e persiste per alcuni mesi dopo il trattamento. Farmaci come acido ialuronico intra-articolare, condroitin solfato e glucosamina solfato orale sono inclusi in questo gruppo (18). Fanno tutti parte della matrice della cartilagine e sono più sicuri dei FANS (19).


Effetti della glucosamina sull'osteoartrite

L'inizio dell'azione della glucosamina solfato è lento, tra 2 o 3 settimane, anche se è stato dimostrato che raggiunge la stessa efficacia dei FANS e ha anche un effetto residuo in cui la sua efficacia viene mantenuta fino a 2 mesi dopo la soppressione del trattamento (19).

In una meta-analisi con studi clinici, la glucosamina ha dimostrato di avere un effetto significativo sui sintomi dell'osteoartrosi del ginocchio (20). Dopo questo studio, è stata eseguita un'altra meta-analisi con 7 studi, integrazione con glucosamina, parametri del dolore significativamente migliorati, mobilità, indice di Lequesne (indice per gonartrosi e coosteoartrosi) e scala WOMAC (questionario per l'artrosi) (31).


In Spagna è stato condotto uno studio clinico controllato per 6 mesi, sono stati confrontati 3 gruppi: glucosamina solfato 1.500 mg / die, paracetamolo 3 gr / die e placebo. La glucosamina solfato si è dimostrata più efficace del placebo nel controllo dei sintomi dell'osteoartrosi del ginocchio, senza differenze significative tra il gruppo trattato con glucosamina o il gruppo paracetamolo (23).


In due studi clinici sull'osteoartrosi del ginocchio, con gruppi di controllo (placebo) e sperimentali (glucosamina solfato), della durata di tre anni, è stato osservato un significativo restringimento dello spazio articolare del gruppo di controllo e nel gruppo sperimentale non è stata riscontrata evidenza di perdita di larghezza (12-13). In una meta-analisi in cui sono stati inclusi i due studi precedenti, si è concluso che non vi sono benefici significativi della glucosamina sulla progressione dell'osteoartrosi a un anno, ma a tre anni (25).

Esistono prove che l'integrazione a lungo termine di condroitina solfato produce benefici simili nelle articolazioni dei pazienti con osteoartrite da lieve a moderata del ginocchio (26-27).

La glucosamina e la condroitina sono frequentemente utilizzate in vari integratori, tuttavia ad oggi non ci sono studi pubblicati sugli effetti dell'associazione e della prescrizione di entrambe le sostanze in qualità farmaceutica (28).

La glucosamina solfato è sostenuta da organizzazioni internazionali: come la International Arteoarthritis Society e la lega europea contro il reumatismo (29).


Conclusione sulla glucosamina

La glucosamina ha dimostrato di essere una sostanza molto efficace nel processo di riabilitazione delle lesioni che colpiscono il tessuto connettivo. A causa di ciò, dovrebbe essere considerato il suo uso da parte di quegli atleti che soffrono di questo tipo di infortuni.

Inoltre, che non è una sostanza dopante e che, al momento, non ha effetti collaterali, sono punti positivi per quanto riguarda il suo utilizzo.

Esistono prove significative dell'efficacia della condroitina solfato nel trattamento dell'osteoartrite. Rispetto ad altri farmaci, la glucosamina solfato è più sicura, le dosi più comunemente usate sono 1.500 mg e la maggior parte della ricerca si concentra sull'osteoartrosi del ginocchio.

La ricerca ha mostrato effetti simili con condroitin solfato; Le ricerche future per il trattamento dell'osteoartrosi dovrebbero concentrarsi sulla combinazione di queste due sostanze.


Bibliografia

  1. Agenzia mondiale antidoping (2015). Elenco di sostanze e metodi vietati. Estratto il 23/06/2015.

  2. FIFA (2005). F-Marc. Nutrizione per il calcio. Zurigo: FIFA.

  3. González-Iturri, J. J. (s. F.). Condroprotezione nella riabilitazione. Estratto il 24/06/2015.

  4. Odriozola-Lino, J. M. (2000). Aiuti ergonomici nello sport. Pergolato. 65, 171-185.

  5. Palacios-Gil de Antuñano, N.; Manonelles-Marqueta, P; Blasco-Redondo, R.; Franco-Bonafonte, L.; Gaztañaga-Aurrekoetxea, T.; Manuz-González, B. & Villegas-García, J. A. (2012). Aiuti ergogenici nutrizionali per le persone che fanno esercizio fisico. Archivi di medicina dello sport. 29, (s1).

  6. Vázquez-Gallego, J. (s. F.). Condroproctection associato a misure fisiche. Estratto il 23/06/2015.

  7. Vergés, J. (s. F.). Condroprotezione farmacologica. Estratto il 24/06/2015.

  8. VV. AA. (2012). Programma di integrazione per atleti. Istituto australiano di sport. Estratto il 24/06/2015.

  9. Wikipedia (2015). Glucosamina. Estratto il 24/06/2015.

  10. Genovés, J. S., e Gimeno, G. S. (2014). Glucosamina solfato: efficacia ancora in discussione. Revista Médica Clínica Las Condes, 25 (5), 856-857.

  11. Alonso, A., Álvaro-Gracia, J. M., Andreu, J. L., Blanch, J., Collantes, E., & Cruz, J. (2000). Manuale SER delle malattie reumatiche. Società Spagnola di Reumatologia, 464.

  12. Carmona, L. (2001). Progetto EPISER 2000: Prevalenza di malattie reumatiche nella popolazione spagnola. Metodologia, risultati del reclutamento e caratteristiche della popolazione. Spanish Journal of Rheumatology, 28 (1), 18-25.

  13. Comas, M., Sala, M., Román, R., Hoffmeister, L., & Castells, X. (2010). Variazioni nella stima della prevalenza dell'osteoartrosi del ginocchio in base ai criteri diagnostici utilizzati negli studi di popolazione. Health Gazette, 24 (1), 28-32.

  14. Loza, E., Lopez - Gomez, J. M., Abasolo, L., Maese, J., Carmona, L. e Batlle - Gualda, E. (2009). Onere economico dell'osteoartrosi dell'anca e del ginocchio in Spagna. Arthritis Care & Research, 61 (2), 158-165.

  15. Sastre, S., Del-Val, J. L., Segur, J. M., & Macule, F. (2008). Prevalenza dell'osteoartrosi del ginocchio e analisi del dolore, rigidità e incapacità funzionale. Ortopedia, 31 (8).

  16. Lequesne, M., Brandt, K., Bellamy, N., Moskowitz, R., Menkes, C. J., Pelletier, J. P., & Altman, R. (1994). Linee guida per testare farmaci ad azione lenta nell'osteoartrite. Il diario di reumatologia. Supplemento, 41, 65-71.

  17. Santos, F. A., Ochoa, D., & García, A. G. (2011). Aggiornamento dell'efficacia di condroitin solfato e glucosamina solfato nel trattamento dell'osteoartrite. Notizie in farmacologia e terapia, 9 (2), 97-108.

  18. McAlindon, T. E., LaValley, M. P., Gulin, J. P., & Felson, D. T. (2000). Glucosamina e condroitina per il trattamento dell'osteoartrosi: una valutazione sistematica della qualità e meta-analisi. Jama, 283 (11), 1469-1475.

  19. Richy, F., Bruyere, O., Ethgen, O., Cucherat, M., Henrotin, Y. & Reginster, J. Y. (2003). Efficacia strutturale e sintomatica della glucosamina e della condroitina nell'osteoartrosi del ginocchio: una metanalisi completa. Archivi di medicina interna, 163 (13), 1514-1522.

  20. Herrero - Beaumont, G., Ivorra, J. A. R., del Carmen Trabado, M., Blanco, F. J., Benito, P., Martín - Mola, E., & Araujo, D. (2007). Glucosamina solfato nel trattamento dei sintomi dell'osteoartrosi del ginocchio: uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, che utilizza acetaminofene come comparatore laterale. Artrite e reumatismo, 56 (2), 555-567.

  21. Herrero - Beaumont, G., Ivorra, J. A. R., del Carmen Trabado, M., Blanco, F. J., Benito, P., Martín - Mola, E., & Araujo, D. (2007). Glucosamina solfato nel trattamento dei sintomi dell'osteoartrosi del ginocchio: uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, che utilizza acetaminofene come comparatore laterale. Artrite e reumatismo, 56 (2), 555-567.

  22. Pavelká, K., Gatterová, J., Olejarová, M., Machacek, S., Giacovelli, G., & Rovati, L. C. (2002). Uso della glucosamina solfato e ritardo della progressione dell'osteoartrosi del ginocchio: uno studio di 3 anni, randomizzato, controllato con placebo, in doppio cieco. Archives of Internal Medicine, 162 (18), 2113-2123.

  23. Monfort, J., Martel-Pelletier, J., & Pelletier, J. P. (2008). Condroitin solfato per artrosi sintomatica: valutazione critica di meta-analisi. Ricerche e opinioni mediche attuali, 24 (5), 1303-1308.

  24. Hochberg, M. C., Zhan, M., & Langenberg, P. (2008). Il tasso di declino della larghezza dello spazio articolare nei pazienti con osteoartrosi del ginocchio: una revisione sistematica e una meta-analisi di studi randomizzati controllati con placebo sul condroitin solfato. Ricerche e opinioni mediche attuali, 24 (11), 3029-3035.

  25. Wildi, L. M., Raynauld, J. P., Martel-Pelletier, J., Beaulieu, A., Bessette, L., Morin, F., & Pelletier, J. P. (2011). Il condroitin solfato riduce sia la perdita di volume della cartilagine che le lesioni del midollo osseo nei pazienti con osteoartrosi del ginocchio a partire già 6 mesi dopo l'inizio della terapia: uno studio pilota randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, con risonanza magnetica. Annali delle malattie reumatiche, 70 (6), 982-989.

  26. Bruyère, O., Altman, R. D., &Reginster, J. Y. (2015). Efficacia e sicurezza del glucosamina solfato nella gestione dell'osteoartrite: evidenze da prove e sondaggi sulla vita reale. Seminari su artrite e reumatismi. 45 (4), 12-17.

  27. Zhang, W., Doherty, M., Arden, N., Bannwarth, B., Bijlsma, J., Gunther, K. P., & Leeb, B. (2005). Raccomandazioni EULAR basate sull'evidenza per la gestione dell'osteoartrosi dell'anca: relazione di una task force del Comitato permanente EULAR per gli studi clinici internazionali, compresa la terapia (ESCISIT). Annali delle malattie reumatiche, 64 (5), 669-681.

  28. Zhang, W., Nuki, G., Moskowitz, R. W., Abramson, S., Altman, R. D., Arden, N. K., & Dougados, M. (2010). Raccomandazioni OARSI per la gestione dell'osteoartrosi dell'anca e del ginocchio: parte III: cambiamenti nelle evidenze a seguito di un aggiornamento cumulativo sistematico delle ricerche pubblicate fino a gennaio 2009. Artrosi e cartilagine, 18 (4), 476-499.

  29. Rovati, L. C., Girolami, F., & Persiani, S. (2012). Glucosamina solfato cristallino nella gestione dell'osteoartrosi del ginocchio: efficacia, sicurezza e proprietà farmacocinetiche. Progressi terapeutici nella malattia muscoloscheletrica, 1759720X12437753.

#glucosamina #fisioterapia #articolazioni #artrosi #integratorialimentari #fisioterapiasportiva #benesserearticolare


Per informazione sugli integratori di glucosamina vegetale:

https://marlebrochero.jeunesseglobal.com/it-IT/monavie




30 visualizzazioni