Fisioterapia come Scienza

Aggiornato il: feb 13





Lo scopo principale delle letture è di porre la fisioterapia come disciplina, analizzando il posto che occupa nel campo delle scienze in generale e delle scienze della salute in particolare, confrontandola con l’analisi delle sue basi concettuali, epistemologiche e storiche, e avvicinandosi allo studio dei diversi aspetti che formano il contesto professionale in cui è inserita la fisioterapia: i suoi principi teorici, il suo campo d’azione e i modelli di intervento professionale Tutte le attività scientifiche devono avere basi che generano una forma esplicativa dei concetti che la determinano e le attività che gestisce. Il fisioterapista non dovrebbe semplicemente rimanere nella descrizione dello stato di salute normale o patologico dell’utente, ma dovrebbe andare oltre questo livello e procedere all’analisi eziologica delle situazioni. Questa è un’altra delle chiavi che, una volta superata, consentirà di stabilire un approccio metodologico dal punto di vista della risoluzione dei problemi. Tutta l’attività scientifica richiede critiche e, da parte del fisioterapista, richiede anche un esercizio di costante riflessione che ti consenta di generare giudizi costruttivi che indirizzano la tua attività a un processo di revisione, che dovrebbe includere: valutazione delle tecniche applicate all’utente, analisi delle linee generali di trattamento, obiettivi di trattamento basati sulle reali esigenze dell’utente e registrazione scritta dell’attività professionale. La creazione di una metodologia comune, approvata e utilizzata dalla stragrande maggioranza dei fisioterapisti, permetterebbe alla fisioterapia di avanzare nella sua concezione come scienza, staccandosi dalla particolarità (caratteristica appartenente alle forme di conoscenza comune) e avvicinandosi all’universalità. Il primo e fondamentale passo che la conoscenza comune deve fare, se pretende diventare conoscenza scientifica è, senza dubbio, di possedere un pensiero critico, ma questo deve essere universale e non può rimanere perduto nella particolarità, caratteristica della conoscenza comune. Applicare una metodologia all’attività professionale del fisioterapista comporta l’interiorizzazione, dopo l’esternalizzazione di un modo ordinato nella sua procedura o trattamento, questa procedura deve essere appropriata per il concetto che viene gestito in quel momento e deve essere applicata per raggiungere un fine determinato. L’importanza della conoscenza del campo delle scienze del movimento con la professione e la disciplina è chiaramente correlata all’obbligo della professione di tenere il passo con i progressi scientifici pertinenti alla sua pratica. In particolare, una professione ha la responsabilità intrinseca di migliorare ed espandere la portata dei suoi servizi nella società. Ciò comporta spesso l’incorporazione di nuove conoscenze ottenute dalle discipline correlate. La conoscenza ottenuta da queste non è direttamente o ovviamente trasponibile alla pratica. La professione deve assumere un ruolo di ricerca per ottenere una conoscenza diretta rilevanti per lo sviluppo delle loro pratiche. Se la professione sceglie di produrre nuove conoscenze, è assicurato un cambio di orientamento interessante. Implica un cambio di ruolo dalla professione alla disciplina. La linea tra professione e disciplina può diventare confusa. Lo sviluppo di nuove conoscenze che riguardano la pratica è considerato un servizio necessario alla società, che identifica una professione e l’acquisizione di conoscenze per la comprensione fondamentale, caratterizza l’orientamento dei ricercatori accademici all’interno di una disciplina. La fisioterapia, tuttavia, non è un mestiere. È una professione e una disciplina. Riconoscendo questo viene la responsabilità intrinseca di integrare la conoscenza della ricerca legata alla pratica clinica. Tutti i fisioterapisti dovrebbero essere consumatori costanti di conoscenza. Questo requisito implica la capacità di valutare e applicare nuove informazioni per la pratica professionale. L’integrazione e l’applicazione di nuove conoscenze potrebbero non essere dirette, in particolare se la conoscenza proviene da ricerche non cliniche. Tuttavia, è il fisioterapista che si trova nella posizione migliore per svolgere la ricerca, perfezionarlo per consentire un’appropriata integrazione e applicarlo, se è appropriato, alla pratica clinica. Il linguaggio del movimento del corpo è il mezzo attraverso il quale l’essere trasmette messaggi che possono essere interpretati solo in modo soggettivo, è un processo comunicativo interno, questo non può essere analizzato nell’ambito del positivismo che è responsabile di indagare oggettivamente fatti e verità verificabili. I messaggi che trasmettono un corpo in movimento è un fenomeno particolare di ogni persona, quindi si può dire che lo spazio corporeo o interno di ciascuno è uno spazio abitato, è un mondo separato e questo mondo è costruito sulla base di esperienze nella vita , si può concludere che tutto ciò che una persona è in grado di manifestare sta nel suo corpo. La fisioterapia, ontologicamente parlando, ha come oggetto di studio il movimento del corpo umano e si sta appropriando di un linguaggio scientifico, al giorno d’oggi ha un linguaggio universale, che gli permette di essere diverso. Si ritiene importante che la fisioterapia come disciplina scientifica ha gradualmente raggiunto l’indipendenza e l’autonomia, è stato in precedenza dipendente o secondaria ad altre discipline e ha preso da loro, molti dei loro quadri concettuali, linguaggi e tecniche, adesso in direzione di una disciplina scientifica che ha un insieme di idee e conoscenze sistemiche che seguendo il metodo scientifico costruisce i propri criteri. Come dice Gallego Izquierdo “la diagnosi medica è un elemento importante, ma non costituisce abbastanza informazioni per dirigere la Fisioterapia. La diagnosi fisioterapica è un’opinione basata su un’analisi critico razionale di tutte le informazioni disponibili “. Oggi ci muoviamo sulla base di diagnosi che in molti casi mancano di coerenza o valore clinico. Come ad esempio il mal di schiena, sciatica, mal di testa, distorsione alla caviglia, o dolore al petto è necessario ed essenziale, lo svolgimento di una valutazione globale, che può portare ad analisi, di possedere interpretazioni del fisioterapista per la guida nella pianificazione terapeutica, azioni di prevenzione e di educazione e/o formazione del paziente o utente dei loro servizi. Non si tratta di fare “diagnosi di malattie”, che è una competenza esclusiva del medico. Non saremo noi i fisioterapisti a discuterne, soprattutto perché si parla molto delle incursioni di altri professionisti e persone senza qualifiche ufficiali sulle competenze della Fisioterapia. Tuttavia, dobbiamo usare la diagnosi come mezzo per identificare la natura, l’essenza di una particolare ferita o situazione, o un problema e la sua causa, e il suo uso deve essere accettato ed essere utile al di fuori del campo medico. È quindi importante creare una lingua o basi per stabilire diagnosi appropriate in fisioterapia. 


(Marlene Brochero Fisioterapista)

#fisioterapia #scienza #cuorefisio

20 visualizzazioni